Archivio | aprile 2013

Il volo della fantasia presenta…Laura

http://libriepassioni.blogspot.it/2013/04/6-in-stand-by-di-silvia-scibilia.html?spref=fb

ARGETA BROZI, AUTRICE DI “TENTAZIONI” E “AL DI LA’ DI TE” PRESENTA: LAURA


Laura non si sente più donna, ma solo la moglie di Massimo, anzi, a volte nemmeno quello, visto che lui sembra concentrato solo su se stesso e le sue priorità. E’ una donna fragile e forte, determinata a riavere le redini della propria vita, a mettersi di nuovo in gioco. Di Laura ho apprezzato il fatto che non si lasciasse abbattere dalla situazione, ma combattesse per cambiarla, mi è piaciuta la sua capacità di adattamento e la sua forza anche nei momenti di maggior sconforto.

Attenzione: la foto non rappresenta Laura, ma l’autrice di qualche anno più matura

http://www.youtube.com/watch?v=J__D667nnj4

Per chi volesse saperne di più del mio personaggio…la sua entità è

http://www.entitas.eu/e72/laura-montani.html

 

6 in stand-by su Divagazioni

http://www.vivianapicchiarelli.com/6-in-stand-by-di-silvia-scibilia/

Una narrazione a due voci, quelle di Laura e Massimo, un continuo avanti e indietro nell’arco temporale di dieci anni, per parlare di una storia d’amore, vera, attuale, amara, passionale… simile a quella di tante coppie.

La conoscenza e il primo approccio, l’innamoramento e la passione, il matrimonio e l’amore, e, infine, la crisi. Crisi che poi è l’inizio del romanzo. La storia prende avvio, infatti, con Laura che mette in “stand-by” Massimo, perché è talmente tanta l’abitudine che non sa più distinguere quello che ha da quello che vorrebbe avere.

Se Laura è una svagata cronica, irrazionale, istintiva, volubile e sempre disponibile, Massimo è un uomo razionale, misurato, che pianifica ogni cosa.

Due mondi agli antipodi. Eppure si trovano e pensano di potersi incontrare a metà strada. La débacle, però, è inevitabile se tutti e due smettono di essere se stessi fino in fondo per compiacere l’altro.

Laura e Massimo sono vittime della loro pigrizia e vigliaccheria, dell’indifferenza reciproca e dei silenzi che pesano più di un tradimento o di una bugia.

Il fatto che sia proprio l’accomodante Laura a mettere in pausa il rapporto, a ridiscutere la propria vita e di conseguenza quella degli altri, lascia tutti spiazzati.

Nessuno sa, però, che Massimo, l’uomo tutto d’un pezzo, granitico e prevedibile, non è esente da difetti e ha fatto l’errore di trattare sua moglie come una bambola invece che come una donna…

Il romanzo è un continuo alternarsi di errori, ripicche, porte chiuse e riaperte, in un oscillante insicurezza che è poi quella che attanaglia ognuno di noi.

images21

di Viviana Picchiarelli